news, comunicazione, grafica ... pausa caffè

110 anni di Alfa Romeo

Nel 2020, precisamente il 24 giugno, Alfa Romeo raggiungerà il traguardo dei 110 anni di attività. Come succede spesso in questi casi i festeggiamenti non si ridurranno ad attività poste in essere in quell’unica giornata, ma si distribuiranno durante l’arco dell’intero anno.
Le funzioni del logo celebrativo sono molteplici, comunica la storicità dell’azienda e fa da base e da filo conduttore per tutte le azioni e gli strumenti diffusi presso il pubblico composto da potenziali clienti, clienti acquisiti, fornitori, dipendenti…
Il Centro Stile Alfa Romeo si è occupato dell’ideazione e realizzazione del logo che, come già avvenuto in passato per il centenario, è composto dal numero 110.

All’interno dello zero si ritrova il biscione, uno degli elementi iconografici tipici e più riconoscibili della casa automobilistica.
Le prime due cifre, grazie alla linea prospettica seguita, conferiscono l’idea di transizione dal passato verso il presente. La data di fondazione e quella dell’anniversario, poste nella parte inferiore dello zero, completano sia graficamente che dal punto di vista informativo il logo.

Facebook testa una nuova app chiamata Hobbi. Lo scopo è di raccogliere e organizzare foto e video per i propri progetti e hobby: per caso questo vi ricorda Pinterest? In realtà sembra che l’applicazione non abbia un intento social, anche se le raccolte realizzate possono essere condivise esternamente con gli amici. Hobbi è attualmente disponibile solo su dispositivi Apple e solo in alcuni mercati: Usa, Spagna, Belgio, Ucraina e Colombia. Arriverà anche in Italia? Cambierà caratteristiche? Stiamo a vedere!

100 anni di Aeronautica

Rimanendo sul tema anniversario, sfruttare le celebrazioni per far parlare di sé, raggiungendo nuovi utenti e rafforzando il senso di appartenenza tra i lavoratori dell’azienda e i clienti fidelizzati, è sempre una grande opportunità.
Eventi, open day, seminari, omaggi, sconti e concorsi sono esempi di attività che possono essere fatte per coinvolgere le persone. Ed è quello che deve aver pensato chi ha autorizzato il bando per la realizzazione del logo e della mascotte per il centenario dell’Aeronautica Militare.
Un’idea già usata di recente da amministrazioni pubbliche e aziende, ma che non considera in modo adeguato le conseguenze di un cattivo logo design.
L’errore sostanziale si capisce subito leggendo questo bando dalla doppia faccia:

aperto a tutti e con compensi irrisori, ma dalle pretese che possono essere soddisfatte solo da persone competenti come la riproducibilità in qualsiasi dimensione e su diversi supporti, la valorizzazione della storia e dei valori, l’originalità, l’utilizzo della quadricromia.
Questi elementi non sono, infatti, dominati solo dal lampo creativo e dalla fantasia, ma derivano dalla ricerca e dallo studio. Può la ricerca di visibilità e “viralità” essere a scapito dell’immagine con cui ci si presenterà?