news, comunicazione, grafica ... pausa caffè

Addio blu

Messenger ha abbandonato il blu, il colore che lo ha caratterizzato fin dalla sua nascita, per assumere delle caratteristiche cromatiche più vicine ad Instagram. Il cambiamento, come i molti altri che si stanno susseguendo nell’universo Facebook e che vi abbiamo raccontato nei mesi scorsi, rientrano nell’obiettivo di integrare le varie App. Perché questo? Perché, e non ci stancheremo mai di dirlo, l’immagine coordinata di un’impresa, di cui i colori sono un elemento imprescindibile e importantissimo, aiuta la sua riconoscibilità e memorizzazione, così come influisce sulla percezione che le persone hanno di essa.

Perciò uniformare e coordinare i propri servizi e le proprie App, per Facebook, non è stata una scelta ma un obbligo; come del resto dovrebbe fare ogni azienda, per quanto piccola, con tutti i suoi strumenti di comunicazione!

Proprio nel precedente PostSkript vi abbiamo raccontato delle accuse rivolte a Google ed altri big dal Congresso USA. Ora gli fa seguito l’Antitrust che avvia un’istruttoria. Anche in questo caso si vuole indagare sulle pratiche che limiterebbero la concorrenza. Sotto la lente d’ingrandimento il mercato della pubblicità online e le pratiche di Google. L’azienda avrebbe impedito ai concorrenti l’utilizzo di dati importanti mentre si sarebbe avvalso di una moltitudine di dati per rendere le proprie pubblicità con target più definiti. Da sottolineare che la raccolta pubblicitaria online è, in termini di valore, la seconda fonte di ricavi del settore dei media.

Gioco d’anticipo

Tra le piccole e medie imprese la sensazione che i “grandi” possano fare un po’ quello che gli va è molto diffusa e la notizia che Amazon abbia già lanciato, con un mese di anticipo, i primi sconti targati black friday sembra inserirsi proprio in questo contesto. Però, vogliamo sottolineare come questo sia anche sintomo di un approccio che comprende programmazione, test e proposte rinnovate. Sotto gli ultimi due aspetti può venire in aiuto la pubblicità online attraverso Google e i social network. Gli annunci possono, con la loro spinta e la loro capacità di targetizzare il pubblico, aiutare a testare la reazione dei potenziali clienti verso nuove proposte.

Possono inoltre permettere di “scavalcare” i concorrenti per tutto il tempo che si ritiene necessario. Per le vostre campagne pubblicitarie, la programmazione della vostra comunicazione e, perché no, per confrontarvi, avere un altro punto di vista e idee nuove, prendete appuntamento con Skriba!